#SceglieteIlFuturoTour: cambieremo la storia – Tutte le tappe

scegnakbdtour.jpg

di Giancarlo Cancelleri

Ci sono momenti destinati a cambiare il corso della storia. Il nostro, quello di tutti i siciliani, sta per arrivare. Il 5 novembre i siciliani hanno la possibilità di cambiare per sempre la storia di questa terra e lasciarsi alle spalle anni di soprusi e malapolitica. È possibile un futuro diverso, dove non ci sarà più posto per i Cuffaro e i Miccichè, non ci sarà più posto per gli stessi di sempre che si nascondono dietro Musumeci.

Possiamo liberare la Sicilia dai suoi aguzzini politici che da anni l’hanno devastata, che da anni decidono il destino di tutti i siciliani perbene costretti a lasciare per sempre la loro terra per sopravvivere. Decidono il destino anche di chi rimane e lotta, giorno dopo giorno, passo dopo passo, inseguendo il sogno di una Sicilia nuova, dove – come diceva Paolo Borsellino – la bellezza del fresco profumo di libertà si contrappone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.

Noi siamo pronti. Ma abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti voi. Ognuno di voi è importante allo stesso modo. E solo insieme avremo la forza per spezzare il filo dei vecchi partiti che hanno distrutto questa nostra meravigliosa terra.

All’inizio (ricordate?) ci dicevano che era impossibile. Che eravamo sognatori. Bene, è vero. È proprio sognando che siamo arrivati fin qua. E oggi che i sondaggi ci dicono che sarà una corsa all’ultimo voto, abbiamo il dovere morale di non mollare. Passo dopo passo. Centimetro dopo centimetro. Piazza dopo piazza. Dobbiamo riprenderci la nostra terra. Il 5 novembre è in gioco il futuro della Sicilia. Il MoVimento 5 Stelle è l’unica forza ad avere un programma vero e a proporre liste pulite. Dall’altra parte si nascondono gli stessi di sempre, quelli che ci hanno ridotti così.

Il 5 novembre scegliete il futuro. Non abbiamo alternative. Insieme ce la faremo.

ECCO TUTTE LE TAPPE DEL TOUR IN SICILIA #SCEGLIETEILFUTURO. PASSATE PAROLA E RAGGIUNGETECI!

20 ottobre
ore 15:30 Mazara del Vallo
Ore 18:00 Partanna
Ore 21:00 Ribera

21 ottobre
Ore 9:30 Sciacca
Ore 12:00 Valle dei Templi
Ore 18:00 Gela
ore 21:00 Ragusa

22 ottobre
ore 12:00 Vittoria
Ore 15:30 Francofonte
Ore 18:00 Priolo
Ore 21:00 Siracusa

23 ottobre
Ore 15:30 Misterbianco
Ore 18:00 Paternò
Ore 21:00 Acireale

24 ottobre
Ore 18:00 Caltagirone
Ore 21:00 Enna

27 ottobre
Ore 15:30 Villafranca Tirrena
Ore 18:00 Milazzo
Ore 21:00 Messina

28 ottobre
Ore 16:00 fino alle 23:00 Catania Day
Pomeriggio a Catania in compagnia dei portavoce regionali, nazionali ed europei
Ore 18:00 Augusta
Ore 21:00 comizio a Catania

29 ottobre
Ore 9:00 fino alle 22:00 Palermo Day
Intera giornata a Palermo in compagnia dei portavoce regionali, nazionali ed europei

30 ottobre
Ore 21:00 Trapani

31 ottobre
Ore 18:00 Alcamo
Ore 21:00 Sciacca

1 novembre
Ore 21:00 Agrigento

2 novembre
Ore 18:00 Caltanissetta
Ore 21:00 comizio a Caltanissetta

3 novembre
Ore 21:00 comizio finale a Palermo

Leggi e commenta il post su http://www.beppegrillo.it

Advertisements

Zero fondi per i trasporti: così i partiti massacrano la Sicilia

autodsnanjpax.jpg

di MoVimento 5 Stelle Europa

I politici bussano alla porta dei siciliani solo per chiedere il voto durante la campagna elettorale. Poi, una volta chiuse le urne, di loro se ne fregano. Un esempio? Dei 24 miliardi stanziati per i trasporti europei, zero è destinato alla Sicilia che però è una delle regioni più povere d’Europa e una di quelle più bisognose di infrastrutture.

Il Connecting Europe Facility (CEF), il meccanismo per collegare l’Europa, è un programma di finanziamenti diretti della Commissione Europea attraverso il quale vengono finanziate le infrastrutture di trasporti europee. La programmazione 2014-2020 prevede stanziamenti per 24 miliardi di euro (di cui già assegnati circa 22,5 miliardi) destinati interamente al settore dei trasporti, (marittimo, stradale, ferroviario, aviazione). Alla Sicilia, che fa parte del corridoio scandinavo-mediterraneo, nessun fondo è stato assegnato.

La selezione avviene su base competitiva dei progetti che presentino un elevato valore aggiunto europeo. Possono presentare i progetti imprese private, enti pubblici, società a capitale misto. Gli Stati Membri coordinano e approvano preventivamente la presentazione dei progetti prima di inviarli alla Commissione. Se il Sud è abbandonato la colpa è soprattutto dei partiti di centrodestra e centrosinistra che (mal)governano da anni il nostro Paese

Ecco una panoramica di quello che la Sicilia ha perso finora:

CEF trasporti 2014
Pubblicata l’11 settembre 2014, stanziati 11,93 miliardi di euro ripartiti sia sul programma di lavoro multi-annuale (11 miliardi) che su quello annuale (930 mil €).
Nessun progetto presentato in Sicilia.

CEF trasporti 2015
Pubblicata il 5 novembre 2015, stanziati 7,6 miliardi di euro per progetti di interesse comune (Bandi di Coesione e Bandi Generali). Risultati annunciati l’8 luglio 2016.
Nessun progetto presentato in Sicilia.

CEF trasporti 2016
Pubblicata il 13 ottobre 2016, stanziati 1,9 miliardi di euro per progetti di interesse comune. Risultati annunciati l’8 luglio 2017 (Bandi di Coesione e Bandi Generali).
Nessun progetto presentato in Sicilia.

CEF trasporti 2017
Pubblicata l’8 febbraio 2017 (scadenze 14 luglio 2017 e 30 novembre 2017). Stanziato 1 miliardo di euro. In attesa dei risultati.

Leggi e commenta il post su http://www.beppegrillo.it

Il governo salva nominati e corrotti del fisco

http://ift.tt/2yEgPt4

di Riccardo Fraccaro

Ciao a tutti. Vi chiedo un minuto del vostro tempo. Dovete sapere quello che sta accadendo in Parlamento perché riguarda le vostre tasche. I vostri soldi. Vi faccio una domanda: chi è che controlla le vostre dichiarazioni dei redditi? Chi è che vi può mandare un accertamento o una cartella esattoriale? Semplice, l’agenzia delle entrate.
Ebbene, nelle agenzie fiscali (cioè dogane ed agenzia delle entrate) ci sono circa 800 dirigenti illegittimi, ex funzionari che non hanno vinto un concorso per entrare nella dirigenza come prevede la costituzione ma sono stati nominati. Così i partiti hanno creato un sistema di clientele e di favoritismi.
Nel 2015 però la corte costituzionale ha stabilito l’illegittimità di queste nomine e l’obbligo di fare dei concorsi pubblici e questo è un problema per i partiti ci governano e ci hanno governato perché perdono il loro potere di ricatto su noi cittadini.

Ma non è finita: grazie al MoVimento si è scoperto che nelle agenzie fiscali ci sono 340 indagati per vari reati, principalmente contro il patrimonio (furto, rapina, estorsione ecc.) Quindi abbiamo dirigenti delle agenzie delle entrate nominati dai partiti e indagati per gravi reati come la corruzione (e poi ci chiediamo perché sono sempre i soliti a pagare le tasse).

Ora cosa sta facendo il governo? Due cose: una peggiore dell’altra

Con un decreto interministeriale firmato da Padoan e Madia, scoperto dal MoVimento, si consente di aprire i nuovi concorsi per la dirigenza di questi enti strategici a:

“coloro che abbiano riportato sentenze penali di condanna ancorché non passate in giudicato o di patteggiamento … e a dare un punteggio maggiore a chi è già in carica magari proprio perché nominato”.

Uno scandalo. Ma questa vergogna non sarebbe legittima nella pubblica amministrazione e allora ecco il secondo passaggio. Al senato stanno approvando la riforma degli enti fiscali, con la quale i partiti sostanzialmente vogliono tirar fuori l’agenzia delle entrate e delle dogane dal perimetro della pubblica amministrazione. Che oggi li obbligherebbe a reclutare la dirigenza con concorsi fatti per bene. Cercheremo di bloccare questo schifo ma vi chiediamo una mano condividete queste informazioni. Fate sentire la vostra voce
altrimenti avremo un fisco che anziché punire i veri evasori continuerà a tartassare i normali cittadini e a insabbiare le cartelle degli amici, magari di quelli che gli finanziano la campagna elettorale.

Leggi e commenta il post su http://www.beppegrillo.it

Clientelismo fiscale per Musumeci?

caffomnzloana.jpg

di Nunzia Catalfo

Candidato di Musumeci fa propaganda politico-elettorale attraverso il CAF Bertolo di San Giovanni La Punta (Catania). Siamo al ‘clientelismo fiscale’ ? Il candidato di Forza Italia, Fratelli d’Italia, Noi con Salvini non ha nulla da dire? Quello del Centro di assistenza fiscale Bertolo di San Giovanni La Punta in provincia di Catania, è un brutto vizio che va avanti da tempo. Ora hanno anche trasformato le pagine social del CAF Bertolo in una succursale del comitato elettorale del candidato berlusconiano Dario Daidone a sostegno di Musumeci.

La situazione è vergognosa. Su questa vicenda sia fatta chiarezza. Per questo con i colleghi portavoce Giarrusso, Bertorotta, Santangelo e Grillo stiamo predisponendo interrogazioni al Senato e alla Camera.

I soggetti che svolgono servizio pubblico come accade con i CAF-Centri di Assistenza Fiscale, nonostante siano soggetti di diritto privato svolgono servizi per i cittadini e percepiscono finanziamenti e rimborsi in pubblico denaro.

Per questo, all’interno dei propri Centri o attraverso i loro canali comunicativi non devono svolgere eventi di natura politica di parte e soprattutto fare propaganda elettorale. I CAF devono garantire l’imparzialità e la neutralità del servizio alle persone che si rivolgono ai loro uffici.

Queste azioni clientelari vanno fermate. I parlamentari del Movimento 5 Stelle chiedono che siano revocati immediatamente l’accreditamento ed i finanziamenti a tutti i Caf che esplicitamente ed impropriamente conducono campagne di propaganda politica, come accade presso il Caf Bertolo di San Giovanni la Punta.

Leggi e commenta il post su http://www.beppegrillo.it

#LaBallaDelGiorno – Le fake news de La Stampa sui sondaggi che danno Cancelleri primo in Sicilia

stampafalelombardo.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Sapevamo che con questa rubrica ci saremmo divertiti, non poco. Oggi il premio de #LaBallaDelGiorno va a La Stampa e al suo giornalista (?) Ilario Lombardo, che questa mattina pubblica un articolo infamante nei confronti del M5S dal titolo “Cancelleri e Grillo incappano nel sondaggio fake”. Secondo la Stampa, Keix, la società che ha materialmente realizzato il sondaggio sulle regionali siciliane per conto di marketinginpolitica.com, “non risulta accreditata sul portale del Dipartimento dell’Informazione della Presidenza del Consiglio”. E’ un chiaro falso, che potete confrontare voi stessi sul sito istituzionale, dove nell’elenco degli accreditati compare anche Mrs srl – Keix e il sondaggio che dava in testa il nostro Giancarlo Cancelleri sullo sfidante Micchiché. Ehm… volevamo dire Cuffaro. Ah, no, Lombardo. Scusateci: Musumeci!

Insomma, la vera fake news è quella de La Stampa e del suo giornalista Ilario Lombardo (chissà chi gliel’avrà commissionata…), che non solo devono chiedere scusa al MoVimento 5 Stelle e a Giancarlo Cancelleri, ma debbono scusarsi anche con i propri lettori. Tutto questo perché vogliono impedirci di vincere in Sicilia; quotidiani organici al sistema come la Stampa stanno facendo l’impossibile per fermarci, ma saranno i cittadini a decidere.

Un’ultima cosa al quotidiano di Torino e, in particolare, al suon egregio direttore Maurizio Molinari: fate attenzione alle false notizie che pubblicate, perché chi è già incappato in una gaffe siete proprio voi, ve la ricordate sì? Beatrice Di Maio vi dice qualcosa? Ecco, non state troppo a preoccuparvi di multe inesistenti che potrebbero commissionare al 5 Stelle, preoccupatevi piuttosto dell’ennesima causa per diffamazione che perderete, da qui ai prossimi mesi. E, soprattutto, abbiate la decenza di preoccuparvi dei vostri lettori. Sono pochini, è vero, ma abbiatene rispetto!

Leggi e commenta il post su http://www.beppegrillo.it

Smog: in pianura padana si muore

mappamapp_TRE.jpg

di MoVimento 5 Stelle

I dati allarmanti sull’inquinamento non ci sorprendono. Sono anni che lanciamo l’allarme sulla situazione drammatica della Pianura Padana e di altre zone d’Italia.

Il bacino della pianura padana, che comprende 30 milioni di abitanti è una delle zone più inquinate del Mondo con una aspettativa di vita ridotta di quasi 3 anni rispetto ad altre aree.

Come già proposto lo scorso anno serve un piano d’azione strutturale e di riconversione industriale ed ecologica che comprenda Città Metropolitane, città capoluogo, Regioni, Stato e Unione Europea coinvolgendo istituzioni, medici, associazioni, imprese e società civile.

Leggi e commenta il post su http://www.beppegrillo.it

#IoSostengoRousseau perché un comunità interconnessa ha un valore che tende all’infinito

http://ift.tt/2yEfCSY

di Enrica Sabatini

Il progetto Rousseau sta crescendo e cresce l’interesse per quello che stiamo realizzando. Un interesse che ormai travalica i confini nazionali, attirando il mondo accademico, i centri di ricerca, che sempre più ci invitano all’estero per raccontare quello che stiamo facendo, per comprendere il funzionamento di uno strumento di democrazia diretta, di intelligenza collettiva e di cittadinanza attiva che rappresenta un unicum nello scenario politico nazionale, ma soprattutto internazionale.

Abbiamo raggiunto tanti obiettivi, ma la sfida è stimolante e la strada è lunga e abbiamo bisogno del supporto di tutti. Perché come diceva Gianroberto Casaleggio “ognuno vale uno, ma un comunità interconnessa ha un valore che tende all’infinito.

CLICCA QUI E SOSTIENI ROUSSEAU CON UNA DONAZIONE

Leggi e commenta il post su http://www.beppegrillo.it